The Holy See

09/17/2018 | Press release | Distributed by Public on 09/17/2018 06:17

Intervento del Segretario per i Rapporti con gli Stati alla 62ma Conferenza Internazionale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA)

Intervento di S.E. Mons. Paul R. Gallagher

Traduzione in lingua italiana

Riportiamo di seguito l'intervento che S.E. Mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati, ha pronunciato oggi a Vienna nel corso della 62ma Conferenza Internazionale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (AIEA):

Intervento di S.E. Mons. Paul R. Gallagher

Mr. President,

I have the great honour of conveying to you and to all the distinguished participants at this 62nd General Conference of the International Atomic Energy Agency, the best wishes and cordial greetings of His Holiness Pope Francis.

Mr. President, on behalf of the Delegation of the Holy See, I congratulate you and the members of the Board on your election by this distinguished Conference. I would also like to take the opportunity to express our appreciation and gratitude to Director General Yukiya Amano and to the Secretariat for their dedicated work for the benefit of the whole IAEA family.

On this occasion, the Holy See, along with various states, welcomes and congratulates Grenada on becoming a member of the IAEA.

Mr. President,

The Holy See commends and supports the many activities of the IAEA that have strengthened international cooperation and contributed in a significant way to the prevention of nuclear proliferation and to the promotion of nuclear disarmament. Such activities, in fact, also help to foster integral human development, by promoting technical cooperation in the nuclear sciences and their applications, and by advancing the peaceful use of nuclear technologies.

I wish now to address briefly some of the relevant aspects of IAEA's fundamental work.

The nuclear non-proliferation regime is strongly supported by IAEA safeguards, which are focused on strengthening its effectiveness and improving its efficiency. For example, the IAEA's participation in the verification and monitoring of Iran's commitments under the Joint Comprehensive Plan of Action (JCPoA) provides an indispensable component for assessing whether all nuclear material is being used for peaceful purposes, and thus contributes to greater peace and security in the Middle East.

Furthermore, the Holy See supports the continued and patient efforts of the international community to revive negotiations around the nuclear programme of the DPRK, which threatens the integrity of the non-proliferation regime. There is no military solution to this threat. IAEA safeguards, reflecting the Agency's critical role in nuclear verification in the region, represent an essential contribution to promoting peace and security and help to build up a climate of confidence in place of mutual recriminations. The use of IAEA safeguards constitutes an important tool in moving towards the goal of denuclearization.

The non-proliferation regime must work as tirelessly for a comprehensive nuclear-test ban as it does for nuclear disarmament. For that reason the Holy See signed and ratified the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons with the aim of moving beyond nuclear deterrence to a world entirely free of nuclear weapons.1

Nuclear tests involve the substantial and uncontrolled release of radioactive materials directly into the environment. They have resulted in the largest cumulative dose of man-made radiation unleashed thus far upon populations and the global environment.2 As Pope Francis has said 'the natural environment is a collective good, the patrimony of all humanity and the responsibility of everyone. If we make something our own, it is only to administer it for the good of all. If we do not, we burden our consciences with the weight of having denied the existence of others'.3 Therefore we affirm that nuclear weapons are arms of mass and environmental destruction.

Pope Francis has also noted that 'the escalation of the arms race continues unabated and the price of modernizing and developing weaponry, not only nuclear weapons, represents a considerable expense for nations. As a result, the real priorities facing our human family, such as the fight against poverty, the promotion of peace, the undertaking of educational, ecological and healthcare projects, and the development of human rights, are relegated to second place'.4

The Holy See recognizes the important contribution of the IAEA to creating a world free of nuclear weapons. This role is characterized by the effective combination of those measures available under comprehensive safeguards agreements (CSAs) together with various additional protocols (APs). Furthermore, efforts to ensure nuclear safety and security, as well as to foster a culture of safety have been greatly improved due to IAEA's strategies of strengthening global, regional and national networks and forums, and by expanding capability and capacity in nuclear, radiation, transport and waste safety, and also in emergency preparedness and response. The broader goals of nuclear non-proliferation, nuclear disarmament, and the peaceful uses of nuclear technologies, each depend upon these crucial IAEA strategies.

The Holy See welcomes and commends the Agency's efforts in establishing an 'Inter-departmental task force on Climate Change', and in organizing this year's IAEA Scientific Forum focused on 'Nuclear Technology for Climate: Mitigation, Monitoring and Adaptation'. The role of science, technology and innovation within the framework of the United Nations' Sustainable Development Goals (SDGs), can be supported by various nuclear technologies and their applications as outlined in IAEA developmental protocols, and thus promote integral development, enhancing our stewardship of God's creation. Indeed, IAEA technical cooperation projects in the fields of human health, water and environment, climate change, food security and smart agriculture, among others, have already contributed significantly to the alleviation of poverty and the ability of countries to meet their development goals in a sustainable way.

The Agency plays a proactive role at all levels in developing strategies for the Programme of Action for Cancer Therapy (PACT), and in establishing and enhancing radiotherapy programmes. In this regard, the Holy See expresses its gratitude and appreciation to the Agency for helping low and middle income Member States to improve the effectiveness of their radiation medicine services as part of a comprehensive cancer control strategy, for supporting the training of health professionals, and for engaging in fundraising to boost cancer control programmes and activities.

On this occasion, the Holy See recalls the urgent need for a modern global ethic of responsibility, solidarity and cooperative security, which must replace the old ways of thinking that have so often been driven by self-interest and distrust. We must recognize that our own peace and security depends ultimately on the peace and security of others.

Therefore, the Holy See appeals to all leaders and nations to work towards the common goals of promoting nuclear non-proliferation and disarmament, the peaceful development and use of nuclear technologies, and a sustainable integral human development, particularly for the poorest countries. The pursuit of such goals will contribute in no small way to a true and lasting global peace.

Mr. President,

In conclusion, the Holy See reiterates its sincere gratitude and affirms its unwavering support for the IAEA's many contributions to nuclear non-proliferation and disarmament, as well as to the safe, secure, and peaceful, development and operation of nuclear technologies.

thank you.

_______________

1 Cf. Pope Francis, Message to the United Nations Conference to Negotiate a Legally Binding Instrument to Prohibit Nuclear Weapons, Leading Towards their Total Elimination, 23 March 2017.

2 Cf., UNSCEAR 2000 Report to the General Assembly, Exposures to the public from man-made sources of radiation, Volume I, Annex C, pagg. 158-180. United Nations, New York, 2000.

3 Cf. Pope Francis, Encyclical Letter Laudato si', §95, 24 May 2015.

4 Cf., Pope Francis, Message to the International Symposium on the Prospects for a World Free of Nuclear Weapons and for Integral Disarmament, 10 November 2017.

[01386-EN.01] [Original text: English]

Traduzione in lingua italiana

Signor Presidente,

Ho il grande onore di portare a lei e a tutti i distinti partecipanti a questa 62a Conferenza Generale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica i migliori auguri e più cordiali saluti di Sua Santità Papa Francesco.

Signor Presidente, a nome della Delegazione della Santa Sede, mi congratulo con lei e con i membri del Consiglio per essere stati eletti da questa illustre Conferenza. Desidero anche cogliere l'opportunità per esprimere il nostro apprezzamento e la nostra gratitudine al Direttore Generale Yukiya Amano e alla Segreteria per il loro attento lavoro a beneficio dell'intera famiglia dell'Aiea.

In questa occasione, la Santa Sede, insieme a diversi stati, dà il benvenuto e si congratula con Grenada per essere diventata membro dell'Aiea.

Signor Presidente,

La Santa Sede elogia e sostiene le numerose iniziative dell'Aiea che hanno rafforzato la cooperazione internazionale e contribuito in modo significativo alla prevenzione della proliferazione nucleare e alla promozione del disarmo nucleare. Tali attività, di fatto, contribuiscono anche a favorire lo sviluppo umano integrale, promovendo la cooperazione tecnica nelle scienze nucleari e nelle loro applicazioni, e sostenendo l'uso pacifico delle tecnologie nucleari.

Desidero ora affrontare brevemente alcuni degli aspetti importanti del lavoro fondamentale dell'Aiea.

Il regime di non proliferazione nucleare è fortemente supportato dalle salvaguardie dell'Aiea, che sono concentrate sul rafforzarne l'efficacia e migliorarne l'efficienza. Per esempio, la partecipazione dell'Aiea alle verifiche e al monitoraggio degli impegni dell'Iran sulla base del Piano d'azione congiunto globale (Pacg) ci offre un elemento indispensabile per accertare se tutto il materiale nucleare viene utilizzato per fini pacifici, e così contribuisce a una maggiore pace e sicurezza in Medio Oriente.

Inoltre, la Santa Sede sostiene i costanti e pazienti sforzi della comunità internazionale per riprendere i negoziati relativi al programma nucleare della Repubblica Popolare Democratica di Corea, che minaccia l'integrità del regime di non proliferazione. Non esiste una soluzione militare a questa minaccia. Le salvaguardie dell'Aiea, rispecchiando il ruolo fondamentale dell'Agenzia nelle verifiche nucleare nella regione, rappresentano un contributo essenziale per la promozione della pace e della sicurezza e contribuiscono alla costruzione di un clima di fiducia piuttosto che di recriminazioni reciproche. Il ricorso alle salvaguardie dell'Aiea costituisce uno strumento importante per procedere verso l'obiettivo della denuclearizzazione.

Il regime di non proliferazione deve operare instancabilmente per il bando totale dei test nucleari, come già fa per il disarmo nucleare. Per questa ragione la Santa Sede ha firmato e ratificato il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, al fine di andare oltre la deterrenza nucleare verso un mondo del tutto libero da armi nucleari (cfr. Papa Francesco, Messaggio alla Conferenza dell'ONU finalizzata a negoziare uno strumento giuridicamente vincolante sulla proibizione delle armi nucleari, che conduca alla loro totale eliminazione, 23 marzo 2017).

I test nucleari comportano il sostanziale e incontrollato rilascio di materiali radioattivi direttamente nell'ambiente. Hanno generato la dose cumulativa più grande di radiazioni prodotte dall'uomo finora rilasciate sulle popolazioni e l'ambiente globale (cfr. Rapporto UNSCEAR 2000 all'Assemblea Generale, Exposures to the public from man-made sources of radiation, Volume I, Annex C, pag. 158-180, Nazioni Unite, New York, 2000). Come ha affermato Papa Francesco: 'L'ambiente è un bene collettivo, patrimonio di tutta l'umanità e responsabilità di tutti. Chi ne possiede una parte è solo per amministrarla a beneficio di tutti. Se non lo facciamo, ci carichiamo sulla coscienza il peso di negare l'esistenza degli altri' (Papa Francesco, Lettera enciclica Laudato si', n. 95, 24 maggio 2015). Per questo sosteniamo che le armi nucleari sono armi di distruzione di massa e ambientale.

Papa Francesco ha anche osservato che 'la spirale della corsa agli armamenti non conosce sosta e che i costi di ammodernamento e sviluppo delle armi, non solo nucleari, rappresentano una considerevole voce di spesa per le nazioni, al punto da dover mettere in secondo piano le priorità reali dell'umanità sofferente: la lotta contro la povertà, la promozione della pace, la realizzazione di progetti educativi, ecologici e sanitari e lo sviluppo dei diritti umani' (Papa Francesco, Discorso ai partecipanti al convegno 'Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale', 10 novembre 2017).

La Santa Sede riconosce l'importante contributo dell'Aiea alla creazione di un mondo libero da armi nucleari. Questo ruolo è caratterizzato dall'efficace combinazione delle misure previste dagli accordi di salvaguardia, unitamente ai diversi protocolli aggiuntivi. Inoltre, gli sforzi per assicurare la sicurezza e la protezione nucleare, come anche per promuovere una cultura della sicurezza, sono stati notevolmente migliorati grazie alle strategie dell'Aiea di rafforzare le reti e i forum globali, regionali e nazionali, e ampliando le competenze e le capacità relative alla sicurezza nell'ambito nucleare, delle radiazioni, dei trasporti e delle scorie, e anche della prontezza e della risposta alle emergenze. Gli obiettivi più ampi della non proliferazione nucleare, il disarmo nucleare e l'uso pacifico delle tecnologie nucleari dipendono tutti da queste strategie fondamentali dell'Aiea.

La Santa Sede apprezza ed elogia gli sforzi dell'Agenzia nell'istituire una 'task force interdipartimentale sui cambiamenti climatici' e organizzare il Forum scientifico Aiea di quest'anno, incentrandolo su 'Tecnologia nucleare per il clima: migrazione, monitoraggio e adattamento'. Il ruolo della scienza, della tecnologia e dell'innovazione nel quadro degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite può essere sostenuto da diverse tecnologie nucleari e dalla loro applicazione così come delineato nei protocolli di sviluppo dell'Aiea, e quindi promuovere lo sviluppo integrale, migliorando la nostra custodia del creato di Dio. Di fatto, i progetti di cooperazione tecnica dell'Aiea nei campi della salute umana, dell'acqua e dell'ambiente, dei cambiamenti climatici, della sicurezza alimentare e dell'agricoltura intelligente, tra le altre cose, hanno contribuito in modo significativo ad alleviare la povertà e alla capacità dei paesi di rispondere ai loro obiettivi di sviluppo in maniera sostenibile.

L'Agenzia svolge un ruolo proattivo a tutti i livelli nello sviluppo di strategie per il Programma di azione per la terapia contro il cancro (Pact) e nell'istituire e migliorare i programmi di radioterapia. A questo riguardo, la Santa Sede esprime all'Agenzia la sua gratitudine e il suo apprezzamento per l'aiuto dato agli stati membri di basso e medio reddito per migliorare l'efficacia dei loro servizi di medicina radiologica come parte di una strategia complessiva per il controllo dei tumori, per il sostegno alla formazione degli operatori sanitari e per l'impegno nella raccolta di fondi destinati a promuovere programmi e attività per il controllo dei tumori.

In questa occasione, la Santa Sede ricorda l'urgente necessità di un'etica moderna globale della responsabilità, della solidarietà e della sicurezza cooperativa, che deve prendere il posto dei vecchi modi di pensare, tanto spesso guidati dall'interesse proprio e dalla diffidenza. Dobbiamo riconoscere che la nostra pace e sicurezza in ultima analisi dipendono dalla pace e sicurezza altrui.

Pertanto, la Santa Sede si appella a tutti i leader e alle nazioni affinché lavorino verso gli obiettivi comuni di promuovere la non proliferazione e il disarmo nucleare, lo sviluppo e l'uso pacifico delle tecnologie nucleari e lo sviluppo umano integrale, specialmente nei paesi più poveri. Il perseguimento di tali obiettivi contribuirà in non poca misura a una pace globale vera e duratura.

Signor Presidente,

Per concludere, la Santa Sede ribadisce la sua sincera gratitudine e conferma il suo fermo sostegno ai tanti contributi dell'Aiea alla non-proliferazione e al disarmo nucleare, nonché allo sviluppo e all'impiego sicuro, protetto e pacifico delle tecnologie nucleari.

Grazie.

[01386-IT.01] [Testo originale: Inglese]

[B0652-XX.01]